Silvia Romano torna casa valuta proteggerla dopo gli insulti social

Silvia Romano torna casa valuta proteggerla dopo gli insulti social

Il primo giorno a casa di Silvia Romano è di festa e preoccupazione.

C’è l’immagine della ragazza sorridente che si affaccia dalla finestra con la mano sul cuore per ringraziare gli amici del quartiere, accorsi per il suo ritorno dopo 18 mesi di prigionia in Kenya, ma anche quella di quattro auto della polizia e tre dei carabinieri di fronte all’ingresso per proteggerla dopo gli insulti subiti via social.

Poco dopo le cinque del pomeriggio, la 24enne cooperante arriva su un’automobile grigia assieme alla madre e alla sorella accolta da applausi, fiori, cartelli e palloncini ai balconi del Casoretto, quartiere alla periferia nord est di Milano di 20mila abitanti, ma con una dimensione ancora molto ‘paesana’ attorno alla bella chiesa romanica. Non c’è a salutare il parroco, don Enrico, che per lei, musulmana convertita durante il sequestro, aveva suonato le campane al …

 

Silvia Romano torna casa valuta proteggerla dopo gli insulti social

visita la pagina 

Lascia un commento