Strage di Corinaldo: smartphone, pc e tablet della banda dello spray ai raggi x

ANCONA – Già spiati in lungo e in largo per almeno quattro mesi, con i loro telefonini intercettati e le cimici piazzate nelle auto usate per le scorribande nelle discoteche, i balordi della Bassa Modenese accusati della strage di Corinaldo magari hanno ancora segreti nascosti nelle memorie dei loro smarphone e computer. Così il procuratore capo Monica Garulli e i pm Valentina Bavai e Paolo…
Leggi anche altri post Regione Marche o leggi originale
Strage di Corinaldo: smartphone, pc
e tablet della banda dello spray ai raggi x  


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer