Notizie

Sulla Villa Giani e con noi Non intendiamo mollare



Un 1º mandato quasi alla fine e per Francesco Puggelli, primo cittadino di Poggio a Caiano, e tempo di bilanci e nuove sfide: l’pianificazione urbana, il verde e le navette veloci verso tramvia. E sulla compartecipazione alla gestione della villa medicea il primo cittadino non molla: “Giani e dalla nostra parte”.

Primo cittadino, un anno al termine del mandato: cosa si e realizzato del programma?

“In principio del mandato nessuno si sarebbe immaginato l’epidemia e da questo parere siamo sempre stati rispondenti alla situazione, come nel caso dell’educazione outdoor per i primi centri estivi post lock down. Abbiamo dinnanzi l’anno più importante e vogliamo provare a recuperare: sono partiti i cantieri per i nuovi spogliatoi della Mazzei e per il rifacimento dei giardini, vanno avanti i lavori per importanti opere, tra tutte la nuova piazza che cambierà il viso del centro storico”.

Progetti rimandati alla prossima legislatura?

“Con l’opportunità del Pnrr si sta lavorando per rispondere a più bandi probabile, gettando le basi per progetti come il 3º lotto delle Scuderie, l’acquisto e il recupero del parco del Bargo”.

Grandi infrastrutture: ci sarà un rafforzamento del trasporto pubblico?

“Si sta lavorando insieme con il comune di Campi Bisenzio per l’arrivo della tramvia a Campi e con il comune di Prato per la tramvia nell’area ex Banci. Grazie a queste due infrastrutture potremo rivoluzionare il trasporto su gomma a Poggio creando navette che arrivino velocemente alle tramvie per raggiungere Prato e Firenze. Non scordiamoci di ponte alla Nave che, grazie al nostro lavoro, e diventato un vero e proprio studio di fattibilità 1ª e ora un progetto definitivo. La sfida sarà ritrovare i stanziamenti per creare questo ponte”.

Chiusura di Ponte all’Asse ai non residenti, tanti i malumori: la decisione non era rinviabile?

“Questa decisione non era rinviabile: i dati sul traffico e la faccenda di ponte al Mulino non potevano essere messi sotto al tappeto. Si sta lavorando con i Comuni di Campi e Signa per uno sviluppo più grande della zona di Ponte all’Asse. Fino ad oggi e stata periferia di due realtà cittadine, domani potrà diventare un posto di rigenerazione urbana come “prolungamento” del centro di Poggio e i cittadini di Signa e Campi residenti oltre Ombrone avranno importanti benefici. Su questo versante sono in avvicinamento importanti novità”.

Villa Medicea: c’e stata qualche apertura all’appello sulla partecipazione del Comune alla gestione?

“Nessun segnale e noi siamo arrabbiatissimi. Questa e la nostra battaglia e la porteremo avanti fino a che la comunità di Poggio non avrà voce in capitolo sulla gestione della Villa. La novità e che non siamo soli: la Regione ha molto a cuore lo sviluppo di un Rinascimento fuori porta nel quale Poggio con la sua Villa potrà esserne centrale. Sono in atto interlocuzioni con il presidente Giani per ritrovare soluzioni per una gestione che coinvolga pure il Comune”.

Progetti per la 3ª età a Poggio?

“Voglio citare la recente inaugurazione dell’appartamento per il Durante e dopo di noi, una risposta concreta per quelle famiglie dove l’invecchiamento dei genitori può rappresentare una maggiore difficoltà. L’acquisto dell’edificio a Poggetto costituisce un’altra opportunità: gli spazi polivalenti li vogliamo destinare ad una progettazione di inclusione sociale, in modo particolare per i più anziani”.

La posizione del presidente Giani sull’aeroporto e chiara: continuare ad opporsi allo sviluppo può penalizzare gli investimenti su Poggio della Regione?

“Sulla vicenda dell’aeroporto ci sono legittime posizioni. La nostra e chiara da sempre. La pista parallela e incompatibile con il parco della piana. Noi continuiamo a credere che esistano altre strade per lo sviluppo della piana, ma non esiste alcun ricatto reciproco tra istituzioni”.

M. Serena Quercioli


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :