Torino, la vineria degli artisti a rischio chiusura Solo se il Comune ci aiuta potremmo farcela”

Torino, la vineria degli artisti a rischio chiusura Solo se il Comune ci aiuta potremmo farcela”

TORINO. È a rischio chiusura la vineria degli artisti e il punto di ritrovo della comunità arcobaleno nel quartiere di San Salvario. Il coronavirus ha messo in ginocchio «Oinos», la vineria-caffetteria che prima della pandemia si era distinta per l’iniziativa solidale «La Buta c’a speta» (La bottiglia che aspetta), ispirata dal «caffè sospeso» napoletano. È il titolare Sergio Rovasio, che allora chiedeva ai clienti di lasciare una bottiglia di vino sfuso pagata a chi non ha la possibilità di comprarlo, ad avere bisogno di un aiuto ora e a diventare suo malgrado una delle voci più tristi della crisi delle enoteche e dei bar in Piemonte. 
I conti difficili
Quando arriva la sera e abbassa le saracinesche in via San Pio V in compagnia del suo fido Next, la mascherina lascia intravedere la preoccupazione di chi non riesce più a far quadrare i conti. «Due …

 

Torino, la vineria degli artisti a rischio chiusura Solo se il Comune ci aiuta potremmo farcela”

visita la pagina 

Lascia un commento