Trieste, uomini in divisa puntano armi contro due italiani al confine con la Slovenia ipotesi paramilitari di destra in cerca di migranti

Trieste, uomini in divisa puntano armi contro due italiani al confine con la Slovenia ipotesi paramilitari di destra in cerca di migranti

Una coppia di triestini, con doppia nazionalità (italiana e slovena), tra le 10 e le 11 dell’8 maggio era stata fermata e poi rilasciata nel comune di Erpelle-Cosina. Ma Lubiana esclude la presenza di soldati e anche i registri della polizia locale confermerebbero quella versione

Il comunicato emesso dal ministero della Difesa della Repubblica slovena risolve un mistero, ma ne lascia aperto un altro. Non sono stati militari regolari dell’esercito di Lubiana a puntare i fucili contro due triestini al confine con l’Italia, in Val Rosandra. Ma siccome i nostri connazionali assicurano di essere stati affrontati da uomini in divisa, ecco che si affaccia l’ipotesi che possa essersi trattato di paramilitari, componenti di qualche ronda che batte i boschi alla ricerca di extracomunitari in arrivo …

 

Trieste, uomini in divisa puntano armi contro due italiani al confine con la Slovenia ipotesi paramilitari di destra in cerca di migranti

visita la pagina 

Lascia un commento