Politica

Tutte le regole dell’election day

Tutte le regole dell’election day 

La scheda è celeste. La domanda è una sola. La risposta un Sì o un No al taglio dei parlamentari: da 945 a 600. Il referendum – per cui sono chiamati a votare 46 milioni 641 mila 856 elettori – è confermativo della riforma a cui il Parlamento ha dato il via libera nell’autunno del 2019. E comincerà proprio da qui lo scrutinio dell’Election day, per proseguire nel corso del pomeriggio con Regionali. Dalle 9 di martedì quello delle Comunali.

Quando si vota

Domani (dalle 7 alle 23) e lunedì (dalle 7 alle 15) si vota infatti non solo per il referendum sul taglio dei parlamentari, ma anche per sei Regioni – Campania, Liguria, Marche, Puglia, Veneto e Toscana – in cui è prevista l’elezione diretta del governatore. Oltre alla Valle d’Aosta (a statuto speciale), dove invece sarà il consiglio regionale ad eleggere il presidente.

Test anche politico

Più ancora del referendum, è il voto per le Regionali ad assumere il valore di un test politico. Delle 6 Regioni al voto ben quattro sono oggi guidate dal centrosinistra e due (Veneto e Liguria) dal centrodestra. Il responso elettorale ridisegnerà quindi la mappa politica. Dal punto di vista dei numeri, sono 18 milioni 473 mila 922 gli elettori per le Regionali. Vanno al voto anche 958 Comuni, di cui 15 capoluoghi di provincia e tra questi tre capoluoghi di Regione (Trento, Venezia, Aosta). Ci sono anche le suppletive per il Senato a Sassari e a Villafranca Verona.

Ballottaggio

Vanno al ballottaggio i Comuni con più…

seguiciapprofondisci il post dal sito di origine
Tags
Show More
Close