Mondo

Usa, ucciso dalla polizia il sospettato dell’omicidio avvenuto durante gli scontri di Portland

Usa, ucciso dalla polizia il sospettato dell’omicidio avvenuto durante gli scontri di Portland 

PORTLAND – Un uomo accusato di aver sparato e ferito a morte a un sostenitore del presidente Donald Trump a Portland la scorsa settimana è stato ucciso dalla polizia che cercava di arrestarlo. Lo riportano i media americani. Michael Reinoehl, 48 anni che si ritiene abbia ucciso Aaron “Jay” Danielson, un sostenitore di estrema destra di Trump, aveva diversi precedenti: era stato fermato a luglio con una pistola carica durante una manifestazione di Black Lives Matter. E proprio una pistola, secondo gli agenti federali che stavano cercando di arrestarlo giovedì scorso, aveva estratto aprendo il fuoco, quando è stato colpito dalle forze dell’ordine. Lo rivela l’agenzia di stampa Ap 

rep


Approfondimento

Portland e quella violenza degli opposti estremismi che riporta l’America agli anni ’60

La sparatoria è avvenuta vicino a Lacey, nello Stato di Washington, poco dopo un’intervista rilasciata a Vice News in cui Reinoehl sembrava ammettere di aver ucciso Aaron J. Danielson di 38 anni. Nell’intervista, Reinoehl ha detto di non aver avuto “altra scelta” perché pensava che lui e il suo amico stessero per essere accoltellati.

  “Sai, molti avvocati suggeriscono che non dovrei nemmeno dire nulla, ma sento che è importante che il mondo sappia almeno un po’ di ciò che sta realmente accadendo”, ha sostenuto Reinoehl al telegiornale. “Non avevo…

Tags
Show More
Close