Attualitá

Venezia 77, Guadagnino presenta il doc su Ferragamo: “Il lockdown ci ha ribadito quanto abbiamo bisogno di cinema”

Venezia 77, Guadagnino presenta il doc su Ferragamo: “Il lockdown ci ha ribadito quanto abbiamo bisogno di cinema” 

Salvatore Ferragamo ha vissuto tutta la sua vita da outsider, prima nel piccolo paese di Bonito (dove in una notte fece le scarpe alla sorella per la prima comunione), poi a Napoli dove ha imparato il mestiere, in seguito a New York dove è emigrato e ancora a Santa Barbara, California e a Hollywood dove ha fatto scarpe per i divi del muto, poi il ritorno in Italia. La sua figura eccentrica e titanica mi ha conquistato, mi interessava raccontare la sua capacità di rischio, il fatto che abbia fallito e trionfato”.

Luca Guadagnino presenta alla Mostra, fuori concorso, il documentario Salvatore Ferragamo – Shomaker of dreams (poi in sala con Lucky Red) insieme al corto Fiori, fiori, fiori! “realizzato appena è stato allentato il lockdown – racconta il regista – in tre siamo partiti da Milano con un iPhone e un tablet per andare nei luoghi della mia infanzia, a bussare le porte ad alcune persone che hanno segnato la mia adolescenza. Sono felice di presentare insieme due lavori che sono omaggi ai padri”.

Il documentario ricostruisce la storia di questo genio della moda attraverso interviste alla famiglia, agli storici della moda e del cinema tra cui Martin Scorsese, a un ‘collega’ come Manolo Blahnik ma soprattutto attraverso molto materiale d’archivio, i bozzetti e i brevetti di tutte le sue invenzioni creative dal tacco di tappi di sughero a quelli a gabbia di fili di metallo, lo studio del piede e la ferrea volontà di fare scarpe belle ma anche…

Tags
Show More
Close